Le perle del dialogo

Innanzitutto vorrei augurare un felice anno nuovo a tutti….
Fisicamente non possiamo vederci ma l’importante è che ci sosteniamo a vicenda. Grazie a questa sofferenza dietro alle sbarre ora sono in grado di confortare gli altri in quanto esempio per tanti detenuti e molte persone al di fuori di qui, fra compagni di fede buddisti e famigliari…
Tutto quello che ci accade ha un significato. Anche se siete tristi e pieni di dolore e sentite che non ce la fate più, finché continuerete ad andare avanti con coraggio vivendo la vita senza essere sconfitti, arriverete a comprendere il significato di quella sofferenza e di quel dolore.
Questo è il potere della fede. Ed è anche l’essenza della vita.
La vita, andando alla sua essenza, è in definitiva una questione di ciò che sentiamo intimamente e di consapevolezza. Non è soltanto una questione di teorie e parole. Potete parlare di quanto siate gioiosi e felici, ma se in realtà ciò che provate dentro è depressione e disperazione tutto il vostro parlare di felicità è privo di significato. Allo stesso modo potete credere a livello intellettuale che la vita è eterna ma ciò rimane vuoto e senza significato se evitate di sfidarvi e di fare sforzi per aiutare gli altri in modo che la vostra vita splenda di una lucentezza eterna. Nei fatti non si può dire che abbiate una reale comprensione dell’eternità della vita….

Maria Virginia con tutta la tua forza!
Sei grande Giampiero…
Spero che ci sarai per molto Kiaretta.

Evandro

2 thoughts on “Le perle del dialogo”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *