Osa credere

L’altro giorno ho scritto, forse, uno dei miei ultimi post dalla Prometeo. Oggi ho riletto ciò che ho scritto, ma per chiudere definitivamente il capitolo, e per aprirne un altro, voglio scrivervi le parole che ho letto e ho fatto mie per attuare il mio cambiamento.
Sono per tutti voi, che ogni settimana leggete e con le vostre risposte avete fatto in modo che il mio cambiamento sia stato un percorso difficile, ma allo stesso tempo esaltante e pieno di soddisfazione.
Ecco a voi:

Osa credere
Osa credere che c’è un canto nel tuo cuore,
osa credere nei tuoi desideri
finché hai il coraggio di credere niente potrà impedirti di giocare il ruolo che vuoi
troppe persone si tirano indietro un momento prima di realizzare i propri sogni
troppe persone finiscono su una strada sbagliata,
fuorviate da un granello di dubbio.
Il destino può cambiare, il sole è già alto nel giorno che è nato.
Troppi dicono che tutto va bene e non capiscono perché si dovrebbe cambiare
troppi nascondono il loro splendore sotto immagini di sofferenza.
Noi non dobbiamo chinare la testa, alziamoci invece cantando di gioia
non c’è un momento dell’istante presente.
Avanzerò senza sosta
adesso che so di avere qualcosa che mi appartiene.
(Josei Toda)

Questo l’ho scritto dedicandolo a me. Perché ho vinto e continuerò a vincere tutte le battaglie che la mia vita mi ha dato da combattere. E lo dedico a voi, perché credere è rendere possibile l’impossibile.
Con affetto e gratitudine, Giancarlo

12 thoughts on “Osa credere”

  1. posso dedicartelo anchio? e che questa consapevolezza di vittoria ti accompagni nel percorso se mai piu difficile che sara’ il vivere la battaglia del vivere quotidiana
    ti accompagni il mio pensiero di madre di amica di persona umile che crede nelle battaglie del cuore e confida nelle vittorie altrui
    buona vita buon tutto giancarlo
    con la gratitudine mia perche nelle tue vittorie ci vedo uno spiraglio per quelle di mio figlio perso nel tuo stesso percorso

  2. Ciao Giancarlo,
    Sono buddista e conosco quella poesia scritta da Richard Caustom
    Ogni volta mi fa sognare, perchè anche chi vive fuori dal carcere ha le sue battaglie da combattere nella vita quotidiana…Perchè ogni individuo ha i suoi limiti, i suoi difetti, le sue debolezze, ma non bisogna mai smettere di credere nel cambiamento, anche quando questo sembra impossibile…
    Lo so, io parlo dal mio punto di vista di donna fortunata che non ha mai vissuto il grigiore o, se preferisci, lo squallore del carcere, della privazione della libertà…E’ facile per me che ho un lavoro, una casa, una famiglia che amo parlare di cambiamento…
    Però vorrei davvero farti capire che dentro di noi abbiamo un potenziale enorme…
    E mi scuso se ti sembro retorica, ma conoscere questo blog mi ha emozionata, sapere che qualcuno ha pensato di metterci in contatto, noi “liberi” e voi detenuti…Mi sembra una di quelle azioni che davvero meritano di essere portate all’attenzione dell’opinione pubblica…

    Un abbraccio
    Carla

  3. ciao Giancarlo,grazie,sono sicuro della tua vittoria a360 lleggo questa poesia spesso ed é diventata il mio motto nei momenti piu tosti,dopo 7 anni di lotte x creare valore nella mia vita . sto scoprendo ora che questo valore cera.erano i miei occhi a non vederlo.ora lo vedo ovunque. la lotta con il mio lato oscuro continua ma la vittoria é certa. ora oso credere nei miei sogni e nei sogni delle persone che incontro.oso credere in nam mio oh renghe kio ‘e nella buddita mia e degli altri oso credere che la vera felicita nasce dalla decisione di fare la propria rivoluzione umana per relizzare un grande sogno,che possa accendere la fiducia nella vita in bocca al lupo per tutto..e grazie a tutti i miei compagni di fede e in particolar modo GRAZIE SENSEI::::::ORA OSO CREDERE:::::::::::

  4. è la prima volta che scrivo, sono emozionato, mi sento piccolo piccolo…sono buddista anche io, qui a roma l’articolo su voi di prometeo che è stato pubblicato sul giornale la stampa ha fatto commuovere molte persone come me. siete esempi, esempi grandi. più che dire qualcosa, vi vorrei mandare un dvd, si perchè per uno spettacolo abbiamo scritto, interpretato, filmato, montato una piccola cosa a voi ispirata. ci date tanto coraggio. ditemi come fare per inviarvi un disco…potete vedere un dvd? avete esigenze, possiamo mandarvi qualcosa? un caro saluto…con rispetto frank

  5. ciao giancarlo,
    grazie di questa bella poesia ( ke cmq non è di Toda , ma di R. Caustom),
    ma ha tutta la forza ke ti e ci occorre vero??? so addirittura di un ragazzo ke dopo averla letta a degli amIci li ha portati tutti come ospiti a un meeting di gruppo, ERANO BEN 13 OSPITI !!!!!!! è diventato uno dei meeting più famosi della storia della soka gakkai italiana!!!!!!!!!!!!!
    VEDI IL POTERE DELLE PAROLE SINCERE E DI LODE, AVANZIAMO UNITI COSì !!!!!!!!!! SALUTI DA SIENA !!!!!!!!!!!!!

  6. forse è un pò tardi per scrivere in questo blog, ma va beh!
    E’ poco che è iniziato a praticare..ed iniziata la mia rivoluzione umana..HO APPENA 18 ANNI..ancora tanta strada..e in qualche modo la mia si è incrociata con la tua..l’altra sera a meeting si parlava di recitare per voi che recitate da lì dentro..e si è raccontato un pò di voi..sono rimasta stupitissima che si facciano dei meeting in carcere..Noi a scuola abbiamo come area di progetto il carcere..però in qst anno non abbiamo fatto quasi niente..purtroppo..non siamo molto seguite per questo progetto..se ti fa piacere volevo chiederti se magari ti andava di dirmi un pò qualcosa..insomma ho sentito parlare tutte le varie autorità a conferenze..ma vorrei sapere da chi ci sta lì come te..e chissa quanti altri..magari anche die vostri meeting!grazie per quello xhe scrivi..mi serve tanto..

  7. …..di chi siano queste parole meravigliose, non e’ cosi’ poi tanto importante…nel 2009 ho festeggiato i miei primi 10 anni di gohonzon e tra i vari doni che ho ricevuto quel giorno e cioe’ il 23/5/99, c’era una pergamena dove avevano inciso questa poesia..furono assieme ad altre un gran incoraggiamento, che hanno inciso nella mia rivoluzione…GRAZIE a tutti !!!!

  8. caro Giancarlo
    in effetti è una poesia meravigliosa, ma come dice la nostra Soka Gakkai, attenti alle false attribuzioni, ti mando quella giusta che ho trovato anni fa su Nuovo Rinascimento.
    ciao
    Mirca
    Torino

    Osa credere

    Si tratta di Dare to Believe tratto da Alice, uno spettacolo composto e messo in scena dai membri della SGI-UK negli anni ottanta. Gli autori sono Ian Whitmore, Indra Adnan e Philip Sawyer.

    Dare to believe there’s a song in your heart
    Dare to believe in your dreams
    Nothing can stop you from playing your part
    As long as you dare to believe.

    Too many people hold themselves back
    When they should be reaching out
    Too many people on the wrong track
    Led astray by a seed of doubt
    We don’t have to live that way
    The sun is up on a brand new day.

    Dare to believe…

    Too many people say it’s alright
    Never see a need to change
    Too many people hiding their light
    Underneath a cloud of pain
    We don’t have to bow our heads
    Lift them up sing for joy instead.

    Dare to believe…

    And there’s no time like the present time
    I’m gonna go non-stop
    Right now
    I’ve found something that I know is mine.

    Dare to believe…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *