Tivù

Gli eventi drammatici, tragici, luttuosi che la TV ci rammenta in questo periodo confondono i miei lucidi pensieri con la follia. Vorrei dire d’esser folle ma non lo sono, anche se la follia dell’umanità si confonde con la normalità, come una nebbia che non ti fa vedere l’orizzonte avvolgendoti totalmente.
Vibro le braccia, dimeno le mie mani, voglio vedere. Ciò che vedo non mi piace allora chiudo gli occhi e sogno, come fanno i bambini, la mia favola.
I colori e i profumi si confondono, inebriando i miei sensi, vedo altri bambini, gialli, rossi, neri, gioco con loro, un’ape mi prende e mi libra nell’aria, sfioro gli alberi e le cime delle montagne e mi accorgo di quant’è bello il mondo. L’acqua lo disseta, all’improvviso ci sono dentro. Respiro nuotando sul dorso di una grossa balena che col suo canto mi coccola , e sono felice. All’improvviso son desto e adulto. – cio’ che vedo non mi piace – i bimbi neri del Darfur muoiono di fame, quelli rossi sono nelle riserve, i gialli sono ancora oggi deformi a causa dell’atomica.
Vorrei continuare a sognare….un mondo bambino.
Ciao
Bama

Non dovrebbe mai essere come ieri.

3 thoughts on “Tivù

  • finche chiudiamo gli occhi e ci rifugiamo nei sogni il mondo continuera’ la sua corsa verso la follia
    oggi piu che mai che abbiamo i mezzi e la potenza intellettiva possiamo cambiare il mondo certo non tutto in una volta e non tutto da solo ma se teniamo gli occhi ben aperti insieme alla mente provando a gettare nel mare della conoscenza la nostra perla di buona volonta forse un domani non sara come ieri
    e potremo realizzare un mondo
    a misura anche di bambino

  • L’importante è far convivere la capacità di sognare, di parlare alle cose come un bambino, e la determinazione nel voler cambiare le cose, anche poco alla volta, come opportunamente scrive Virginia…il mio motto è: lento,ma inesorabile…nel Tao è scritto che l’acqua è la cosa più umile, perché tende sempre verso il basso, ma proprio per la sua caratteristica riesce ad infiltrarsi ovunque…ciao,a presto
    Riccardo Infantino

  • Rifugiarsi nei sogni non ci aiuta a cambiare la vita presente…
    Se vogliamo vedere realizzati i nostri progetti per un mondo diverso…MIGLIORE…siamo noi che dobbiamo fare il primo passo verso il cambiamento.Perchè non abbiamo il potere di cambiare gli altri…E’ uno sforzo inutile, un dispendio di energie vano.
    Il mondo cambierà…se tutti noi lo vogliamo…Ma lasciamo che dentro il nostro corpo di adulti esploda meravigliosamente un’anima cresciuta…non più bambina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *