Quando ero bambina

Quando ero una bambina andavo sempre con i miei amici a divertirmi. Poi un giorno mi sono innamorata di un ragazzo. Avevo tredici anni quando mi sono messa con lui. Poi lui mi ha tradita e io l’ho lasciato e mi sono messa con mio marito. Poi andavo a rubare, ma dentro di me, pensavo: che vita brutta andare a rubare. A volte non andavo perché avevo paura che mi prendesse la polizia. Alla fine sono qui, in carcere e la vita è dura. Ma è dura anche quando vai a rubare.

7 thoughts on “Quando ero bambina

  • Ciao Assunta,
    che bella idea estendere al padiglione femminile la possibilità di parlare con l’esterno, non trovi? Presumo di sì, visto che hai scritto subito qualche riga su di te. Che cosa ti aspetti da chi come me ha, a sua volta, subito colto l’occasione per contattarti?
    Io spero, scrivendoti ora, e forse ancora, di farti piacere e di farti sentire che c’è attenzione nei confronti di chi è ristretto.
    Che ne pensi?
    Un saluto grande grande.

  • ciao assunta,
    benvenuta nel blog!
    spero che la tua vita sia meno dura di quanto lo sia stato fino ad ora. questo è un augurio. spero anche che questo blog possa aiutarti a parlare di te, a sfogarti… e sono molto contenta che ci siate voi nuove donne che scrivete! un abbraccio, gio

  • Cara Assunta,
    siamo gli Ospiti della Casa di Riposo Trisoglio di Trofarello,
    siamo circa un’ottantina di persone con varie origini e culture.
    Sappiamo bene anche noi che la vita è dura per tutti, a causa di tante diferrenti ragioni e difficoltà che subentrano all’improvviso nell’esistenza di ogni individuo. Bisogna affrontare questi ostacoli nel miglior modo possibile con tutte le nostre energie.
    Noi, nei momenti più difficili, ci affidiamo alla preghiera che ci conforta e ci da speranza.
    Ci auguriamo di continuare il nostro dialogo telematico e nel frattempo le inviamo i nostri più cari saluti.

    Gli ospiti della Casa di Riposo Trisoglio Gina, Francesca,Giuseppina,Elvira, Erminia,Rosetta, Carletto,Piero,Verina,Margherita, Caterina,Ulisse,Ellia, Teresa,
    Nicolina,Angiolina,
    Margherita,Giaele,Irma,
    Suor Anna,Lidia,Olga,Cati,Rosa, Margherita,Giuseppina,Carolina,Rita,
    Giulia,Nicolina,Teresa,Celeste, Maggiorina,Maria,Rosaria.

  • Sono appena venuta a conoscenza di questo blog, e per caso il primo post che ho letto è stato questo.
    E un’ idea fantastica quella di darvi voce aprendo un sito.
    Perchè il diritto di parlare,di raccontare e i raccontarsi non deve essere negato a nessuno. E’ un diritto di tutti. Ho letto ciò che hai scritto, e credo tu abbia ragione: passa tutto nella vita. Ci credo. Spero che possa passare velocemente anche per te.
    Sto scrivendo una tesi sul blog, e credo proprio che sia il caso di citare questa iniziativa e magari, se ti facesse piacere anche qualche riga dei tuoi scritti.
    Un caro saluto,Francesca.

  • ciao Assunta,ho letto letue parole e volevo darti 1 consiglio,si e vero,la vita e dura nke andando a rubare xke vai una volta,vai 2 e vai 3 prima o pio il carcere lo vedono tutti….dv 6 te immagino ke tipo di vita, e sempre la stessa,minuti,ore,giorni e qdo ti va di sfiga pure qlke anno…il consiglio ke ti volevo dare e ke do a tutte e qllo dinn mollare mai,xke prima o poi la vita ke stai facendo finira’ e tornerai ad assaporare qllo ke ti e mancato fin ora,l’amore x tuo marito e tuoi affetti e la liberta’ fondamentale x ritornare a vivere…ovviamente senza rubare hihihi…le cazzate le fanno e le hanno fatte tutti,qdo si finisce nella merda xro…bisogna uscirne fuori…qdi cambiare..trovare una pers ke ti vuole bene,ke ti ascolti e ke ti capisca…nn e impossibile parlo x esperienza…grazie di avermi fatto sfogare…spero in una tua risp…un bacio Gio’!

  • ciao assunta,
    mi chiamo carolina,
    ho 25 anni, e tu?
    è la prima volta che entro su un sito di carerati…
    nelle mie preghiere,come Dio comanda nel vangelo,prego anche per tutti coloro che sono carcerati…ho sempre pregato, e oggi,dopo avere visto un triste film sulla pena di morte(cosa assolutamente ingiusta e sbagliata che Dio non vuole) sono venuta qui su internet a vedere se era davvero come dicevano in quel film, ovvero che in carcere c’è chi usa internet.e ho trovato voi.
    non sapevo nemmeno che i carcerati avessero questa possibilità…ritengo sia una cosa molto buona per voi,Dio vi aiuta ad avere un modo per alleviare la vostra pena tramite il conforto di tanti cuori altruisti.
    io non mi sento di dare alcun giudizio,neppure sui carcerati.
    ognuno sa i fatti suoi,sa la sua vita com’è andata,sa la sua storia, e solo Dio può emettere la sua giusta sentenza,
    e tu stanne certa che Dio ci vuole bene a tutti e chi va da Lui non tornerà certo deluso.
    purtroppo le persone cattive che giudicano i carcerati come immondezza umana ci sono,ma lasciali parlare,quella è solo gente che non vede oltre il loro naso…non pensano invece di pregare piuttosto che Dio li protegga…abbiamo tutti bisogno di essere protetti perchè nessuno sa quello che accadrà nei minuti successivi.
    un versetto del vangelo dice così: «Credete che quei Galilei fossero più peccatori di tutti i Galilei, per aver subito tale sorte? 3 No, vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo. 4 O quei diciotto, sopra i quali rovinò la torre di Sìloe e li uccise, credete che fossero più colpevoli di tutti gli abitanti di Gerusalemme? 5 No, vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo»”.
    molti credono che le disgrazie altrui avvengono perchè sia dovuta ai suoi peccati o ai peccati dei suoi genitori, come si credeva. Ma invece Gesù risponde: “Né lui ha peccato né i suoi genitori, ma è così perché si manifestassero in lui le opere di Dio”.
    spero che possiedi un vangelo,una bibbia…
    Dio ti da la libertà e la pace ovunque tu sia.
    da quanto tempo sei in carcere?quanti anni hai?

  • cara Assunta
    mi piace la tua riflessione.
    Dentro è dura, andare a rubare è dura ed è anche pericoloso.
    Mi manca la tua conclusione e se permetti te la presto io:
    Forse è meglio scegliere una via meno dura e meno pericolosa e cioè andare a lavorare in maniera seria e onesta che anche se faticoso non è pericoloso!
    Oppure fare qualche attività che possa darti qualche soddisfazione e fare una vita serena.
    Antonio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *