Forza e coraggio

Da quando sono in questo posto, non ho più visto un posto bello per me. E’ sempre la stessa cosa. Vedo tutto nero e il mondo mi è crollato addosso. Ho capito che la cosa più brutta che mi sia successa è questa. Soffrire d’amore per i figli e per il mio dolce amato, l’unico grande amore.
Ciao, suocera mia, tu sia benedetta, stai attenta ai miei cuccioli.
Non ho più visto sorgere il sole, da quando sono lontana da mio marito e specialmente dai miei figli. Per questo ho disegnato il mio cuore, che è reso grande dalla sofferenza. Ma dico forza, coraggio, perché la galera è solo un passaggio.

Jagoda

7 thoughts on “Forza e coraggio

  • Coraggio davvero Jagoda.
    Non hai idea di come cambiano le cose a volte, improvvisamente, dentro il proprio animo. Senza accorgersene.
    E’ la vita intera un passaggio.

    Abbraccio.
    Ysa

  • Jagoda, nulla è definivo..tutto cambia, vedrai che arriveranno giorni migliori, vedrai di nuovo la bellezza del sole che sorge, avrai i tuoi figli ed il tuo amore accanto a te. un abbraccio Stella

  • Leggendo le tue riflessioni ti comprendo, spesso capita anche a me di vedere tutto nero e nessuno spiraglio di luce…
    Poi, però, per non so quale legge ongi tanto le cose cambiano!
    Come hai titolato il tuo post e come dice la vocina modulata della conduttrice di Radio Maria “forza e coraggio”…

    Un caro saluto ed un abbraccio!
    Mstatus

  • non posso dirti altro che…. resisti…
    può non sembrarti ora, ma sei amata… sei amata da Dio (anche se magari non credi in Lui)…
    come dici tu la prigione è solo una fase, solo un passaggio….
    resisti
    ti penso

    un abbraccio

  • Cara Jagoda,
    la nostra cara amica Elda che lavora presso la Casa di Riposo ha offerto questa poesia per te scritta da una sua conoscente molto malata e ricoverata in ospedale.

    AMORE PER LA TERRA
    Vivo in campagna tra le mie belle colline,
    con boschi, campi, vigne,
    sento nell’aria il profumo della primavera
    mi affretto festosa nel mio giardino
    a pulire le mimose
    e mentre mi aggiro fra le aiuole,
    vedo lo sbocciare di narcisi,
    tulipani e viole.
    Così mi dedico anche al mio orto
    pensando che l’inverno è quasi morto
    e con la vanga ed il rastrello
    pulisco il mio orticello
    per poter seminare piselli, zucchine e patate
    e più avanti fagioli, carote ed insalate.
    Aspetto e osservo:
    togliendo l’erba e la gramigna
    vedo passare sulla srada due donne
    che ancora vanno nella vigna.
    Nel mio orto non spargo nè veleni nè concimi
    ma un sacco d’amore
    provando la gioia nel mio cuore.
    E dopo lunghi viaggi si aggirano le rondini
    per farsi il nido.
    Si sposta il pettirosso
    sui picchetti degli ortaggi
    felici svolazzano le farfalle
    sui fiori colorati
    mentre le coccinelle si danno un gran da fare
    a mangiare i pidocchi appena nati.

    Saluti Saluti, gli ospiti della Casa di Riposo Trisoglio Fiorentina, Antonia,Rosaria
    Gina, Francesca,Giuseppina,,Rosa, Carlo, Piero,Valeria, Margherita,Caterina,Ulisse,Teresa,Nicolina, Angiolina,Margherita,Giaele,Irma,Suor Anna,Lidia,Olga,Margherita, Giuseppina,Carolina,Rita, Giulia,Nicolina,Teresa, Celeste,Maria

  • cara jagoda
    forse puoi prendere il disegno del tuo cuore grande ed appenderlo fuori dalla finestra, a vedere quei quattro fiori che iniziano a comparire davanti al blocco e a prendere un po’ di sole… forse può scaldarti.
    ti abbraccio
    ali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *