4 thoughts on “Una città di notte”

  1. Hei Maurizio,
    ti aspetto in Toscana a portare un pò di colore sulle strade di firenze o dintorni. Mi raccomando, se vieni fatti riconoscere.
    La prossima volta che ci incontreremo deve essere fuori da qui, magari anche su questo blog, ma da esterno, come me.
    Tanti, tanti auguri.
    Marta

  2. Bellissima la tua citta Bama !

    Spero che molta gente vedra i tuoi disegni 🙂 e che sarai felice nella tua nuova vita.
    Io dipingo e disegno anche….

    Auguri a te !! Bonne chance !

    Agualoca

  3. Caro Bama,
    inviamo il collage di tutti i commenti al tuo disegno.
    Oh che bellezza, una città di notte, non c’è nient’altro solo erba che gira!
    E’ buio che fa quasi paura; dov’è questa città?
    E’ forse Torino?
    E’ tutta un palazzo, bei ricordi…..tutte torri…
    Ho già provato varie volte a disegnare ma è difficile.
    E’ tutto alto e basso,
    è un capolavoro perchè è fatto a mano.
    Di notte si dorme e di giorno si lavora.

    AUGURI PER IL TUO FUTURO!TI STAREMO VICINI CON LA PREGHIERA!

    Saluti, gli ospiti della Casa di Riposo Trisoglio: Rosaria,Anna,
    Gina, Francesca,Giuseppina,Rosa, Carlo, Piero,Valeria,Caterina, Ulisse,Rosalia, Angiolina, Margherita, Giaele, Irma, SuorAnna,Lidia,Margherita, Giuseppina, Carolina, Maria,
    Giulia,Celeste,Maria, Michele, Giovanna,Mariola,Assunta,Margherita,Caterina,Giovanna,Giovanni,Giuseppina,Margherita, Riccardo.

  4. ciao a tutti,
    finalmente riesco a scrivervi qualcosa. io sono un giovane cantautore e, non sapendo la storia del disegno Una città di notte di Bama, cioè ne sono venuto a conoscenza dopo, l’ho utilizzato come copertina del mio primo disco dal titolo ANNI 2010. Me l’ha portato da vedere il mo batterista e mi è sembrato subito perfetto. Infatti una delle tracce del disco si intitola La mia città (brucia nella notte). Poi quando sono venuto a conoscenza della storia del disegno, l’ho trovato ancora più appropriato visto che un’altra canzone si intitola La ballata del prigioniero innamorato. quindi, e qui giungo al punto del discorso, mi piacerebbe regalare una copia di questo lavoro a Bama. Qualcuno mi può dire come fare, basta che lo invio all’indirizzo della casa circondariale e specifico che è per Bama? grazie e a presto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *