Una perla

“Mi dispiace immensamente per le persone che tifano granata ma… il derby è nostro”
Con questo do il buongiorno a tutti.
Oggi è il compleanno del mio figlio più grande… ventuno splendidi anni che si rispecchiano nei suoi occhi luminosi… già così uomo ma anche bambino nello stesso tempo. Con infinito orgoglio affermo di avere una perla che, nonostante i miei anni di carcerazione, ha saputo cavarsela evitando di finire nei guai e per quanto sia stato solo ad affrontare il mondo intero non ha mai smesso di credere in se stesso e nelle sue capacità.
Fare il genitore da dietro le sbarre non è affatto facile… è di per se stesso un compito duro quando si è in libertà e, credetemi, trascorrere le poche ore concesse per i colloqui a rimbrottare il proprio figlio su cosa e come lo dovrebbe fare è quasi un’impresa, soprattutto perché si avrebbe solo voglia di stringerlo e coccolarlo… ma l’ho fatto. L’ho sgridato, spronato e consigliato ed ho pure litigato con lui soffrendone molto, ma la mia testardaggine è servita a qualcosa se poi un giorno ti senti dire: “se non avessi avuto te, mamma…” In quelle parole è nascosto il segreto del mondo… il perchè mi alzo ogni mattina sicura di avere un vero motivo per cui andare avanti, aspettando il giorno in cui i cancelli si apriranno anche per me.
A tutte le mamme del mondo, in qualsiasi difficoltà si trovino, dedico le mie parole perché non c’è nulla per cui valga di più la pena e perché i problemi passano lasciando solo ciò che è veramente importante.

Un bacio
Alina

2 thoughts on “Una perla”

  1. Ciao Alina,io ho 21 anni, come tuo figlio. Non ti preoccupare troppo per non potergli essere vicino, spera solo abbia tutta la forza che serve alla nostra età per crescere e superare le delusioni. Quella forza che dobbiamo tutti cercare dentro noi stessi. Sono stata lasciata, una storia di 6 anni, ho trovato questa forza e mi trasferisco con il mio migliore amico a Londra, città che amo in cerca di Lavoro. Bisogna essere coraggiosi, ed evviva le mamme presenti o no, vicine oppure lontane,quando anche lontane ci sono vicine. Un bacione a te, e pure alla mia.

  2. ciao..alina..bè..io penso..chè essere mamma..e in qualunque situazione..sia..la cosa..più difficile..mà pure più stupenda chè esista al mondo…non danno..diplomi..o riconoscimenti…e molto spesso..neppure aiuti..e comprensione…però..guardando..nel cuore..di tuo figlio..e guardando..nel tuo..e sapendo chè battono..all unisono..bè..penso..sia..il..miglio dono..mi associo..con auguri..al tuo ragazzo….e un grosso abbraccio a tè……p.s…..ok..il derby..è bianconero..mà chè cavolo hanno fatto i granata????..bà..guarda..non esistono più valori..manco nello sport….mi mancano..i veri e sani derby..dove la juve era juve..e toro.. toro …ora in generale…vedo solo..giocatori..mercenari….sai chè ti dico?..tifo..per noi….chè..realmente giochiamo..una vera partita..si chiama….vita…….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *