Questione di fortuna

Rispondo a Elena.
Tu dici che sei stata più fortunata!
Non so se questo corrisponda a verità. La nostra carcerazione a volte la portiamo dentro noi stessi e non fatta di sbarre o cancelli, ma di solitudine e indifferenza. Sinceramente non so quale sia la peggiore. La mia carcerazione non è tutto questo, ma il non poter riabbracciare mia figlia… Mille ragioni ci sono per questo, e non tutte dipendono dal mio stato detentivo o da me stessa. Ti assicuro che per questa detenzione non ci sono o ci saranno mai pene alternative. Mai fine pena.

1 thought on “Questione di fortuna”

  1. ciao..liana…è vero..nessuno..può..sapere..i sogni..la libertà…oppure..catene..e..prigioni..chè uno hà..nel cuore…io..non mi permetto mai di giudicare….mà..solo..bè..ascoltare…ascoltare..il silenzio..delle parole del cuore…chè poi..sono quelle vere..e importanti….un abbaccio…maurizio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *