Farsi forza

Se penso ai Natali, alle luci colorate, all’aria di festa che si respira fuori mi sento ancor più triste e la stessa tristezza la leggo sui volti delle mie compagne; chi pensa ai propri bimbi, alle famiglie che festeggiano il Natale senza di loro. C’è solo aria di dolore, le feste natalizie in carcere sono ciò di cui più orribile si può pensare; ci sentiamo tanti zombie con gli occhi pieni di lacrime e man mano che passano i giorni è sempre peggio, la malinconia avanza senza nessun freno, si cerca di organizzare qualcosa fra di noi solo per non cedere alla disperazione, ma è tutto inutile, la tristezza, il dolore aleggiano su tutte noi come qualcosa di palpabile.
La neve caduta ci ricorda i nostri giochi di bimbe come pure il giocare dei nostri bambini.
Siamo tutte lì, sempre ad ascoltare la TV per sentire se ci sono novità con la giustizia, è una speranza dura a morire.
Vorrei solo poter dormire e svegliarmi al momento dell’uscita, ma ciò so che non è possibile, bisogna tirare avanti, facendosi forza, con le unghie e con i denti.

Liana

2 thoughts on “Farsi forza”

  1. ciao..sicuramente. guardare chi stà peggio non aiuta. mà però una cosa posso dirla a tè. e mè stesso. ci son molti tipi di prigioni. natali..e vite passate in solitudine. oppure famigle sfasciate. oppure l’essere considerato diverso. solo perchè. uno non può.avere il reddito per una vita dignitosa..ti posso..mi..posso fare mille esempi..in cui..tutti..o ci troviamo..o possiamo trovarci..mà..però..noi abbiamo ancora una speranza…finirà…finirà..finirà…sì..ci saran ferite..sicuramente cicatrici..mà finirà….pensiamo..a chì..per finirà..intende…andarsene…finire di soffrire..per mali portati dal progresso…bè..noi una possibilità..la abbiamo ancora….sempre con questa frase nel cuore..sè a volta sembra chè una vita non valga niente…niente vale quanto una vita..ricordarselo sempre…è innegabile..chè le feste..e il natale..fan uscire..di più..le malinconie..e i dolori..io..come avrai intuito..non posso certo dire di aver passato..un felice natale…insomma..incomprensioni famigliari..disoccupazione…però.in fondo…cè sempre quella famosa..possibilità..ovvero..non può..piovere sempre..certo..mi avvicino hai 40 anni..pensa..io faccio il compleanno la vigilia di natale..e vedere..miei coetanei..sposati..con figli…e io nulla..singol e disoccupato..bè..poi con la dignità..di non capire..perchè..ugualmente..in questo..falso mondo..devi sentirti in colpa..diverso…però..dai…..finirà……buon 2009..dal cuore e con un abbraccio…maurizio.

  2. ciao liana magari ti conosco, io solo pokigiorni sono passati mesi ma mi sento a volte l,odore nel naso o queipianti di disperazione ke nn piu nessuno sente, ho trovato molta solidarietà tra voi …….ti dovrai pur trovare una spalla x piangere,,,,,,,,,ricordati il tempo passa ed uscirai anke tu, vi mando un bacio a voi tutte xkè un giorno………ricomincerete a sentire l odore di un prato e a toccarlo e nn sentirete nessuna porta di ferro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *